Stage 594473

Stefano Zamblera * official artist

Nine dragons gonna twist in Mestre - Matite in Viaggio 2012

0 people like this

Nine dragons gonna twist in Mestre - Matite in Viaggio 2012

0 people like this

Nine dragons gonna twist in Mestre - Matite in Viaggio 2012

The Scroll of the Nine Dragons - Carnet d'etudeThe Scroll of the Nine Dragons - Carnet d'etude Last news I had from the friend Andrea Longhi was about my Carnet focused on the Scroll of the Nine Dragons, a Carnet of study consacrated to the masterpiece of 陈容 Chén Róng. Here follow the presentation I've written for an eventual future edition of the Carnet.   The scroll of the nine dragonsThe scroll of the nine dragons by 陈容 (traditional Chinese 陳容) Chén Róng (1210 – 1261) has to be considered as one of the most most important sample of Chinese scroll-painting and one of the masterpiece of Chinese art. Since 1917 it is preserved at the Museum of Fine Arts, the scroll is perfectly preserved, and is painted ink on paper with some touches of deep-red pale ink. The composition is completely overlooked by the glorious figures of the nine dragons, twisting and winding among clouds and waves. At the beginning of the scroll a dragon appears over a waterfall, a part of his body is hidden by smoky mist. The dragon size the hill by its sharp claws, facing ahead he seems chasing another dragon which it's just throwing himself among clouds and mist, swiping the air with his tail. The third dragon is depicted with his face in full view, is climbing over a hill. Coming from left, the fourth dragon has just sized a pearl, is coming out from the water, provoking turbulent waves and twisting clouds. Beside appear two other older dragons, one with horns extremely tined and the other with hoary head; they are chasing each other in a circle movement. Most part of the seventh dragon's body is dipped into the wiping waves. Finally the eighth and nineth dragons appear facing each other. The former seems to leaping toward the latter two, while stepping his body on a rock-hill, while turning back the head looking for his encroacher. Thanks to such balanced composition, the dynamic action of the dragons is taken to an end, as this masterpiece reach a pacific and quite resolution. The brushwork suggest to the viewer the idea of a dramatic beauty and a rhythmic movement on an universal scale. Two inscrīptions of the author and other sixteen calligraphies by an emperor, officials, scholars and Taoist priest are added to the panting, moreover there are many seal-stamps belonging both to the author of inscrīptions and to collectors. In this copy such seals are replaced by the author's seal-stamps, while the original are afterwards classified and studied. Of the two inscrīptions by Chen Rong, the shorter is a memorandum written at the beginning of the painting and chronologically after the scroll-painting was finished: “The Picture of Nine Dragons was painted in the spring of Chia-ch'en (corresponding to the year 1244) . This scroll has come back into the possession of my son-in-law Hsien Li. Does not a divinely inspired thing surely find its allotted place? “ The longer inscrīption, in verses, is contemporary to the brushwork, and it's made by some legends focused on dragons: “ A real dragon stole a glance at the engraving at Ch'u; In Chin-ling, two dragons flew away when the pupil of the eye was added. When Chu-liang had already become an immortal, Chang followed him; How ashamed was Liu Tung-weih when laughed at by the dragon couple! The eight scrolls of Wu dragons were not worth hanging. When drunk I spit the painting from within. And the waves of Lung-men (the Dragon Gate) , or of San-hsiak (the Three Gorges) are like mountains, Sending great roars from the depths into heaven. The flying dragon appears from the gorge and flies toward the river of spring; The force of Chiu-ho (the Nine Rivers) does not subdue him. A dragon is like a Ch'ih-mum (Red-leaf) on the Tien-cheihn (Pond of Heaven) ; The fungus aroused the land of mist and cloud. Again, the goddess Ch'i-n has been punished by Chün-t'ien (the Lord of Heaven) ; Lei-kung (the God of Thunder) struck mountains, and heaven and earth were black. The glistening jade dragon rubbed scales against inaccessible cliffs; (Dragon-like) big newt, he seems to avoid the visitor from Yang-ling. The golden snake (lightning) flashed when the dragon awoke from his snoring; His sharp-rising horns became Hai-men (the Gate of the Sea) . His grinding teeth and sharp talons grasped the bright moon; The dance of Tien-wu (the God of Sea) shook the base of heaven. Over the thunderheads, the dragon taught his sons to make lightning; The oldest dragon was in the fifth picture. Two dragons relieved the people during the year of drought; In the night the horse's mane turned over the Tien-p'iao (the Ladle of Heaven) . The warm waves of peach blossom time had reached the third level (of the Mount Kcun-lun) ; Who dares to climb Yü-men, the most hazardous place? Blue whiskers and deep red beards grew when fire was burning off their tails; Thunder of the tenth month followed them as they fled upwards. The Marquis of Shu slept peacefully in Nan-yang Wu-(hsiang) ; All the figures were painted as strange and old. They saved their superhuman strength waiting for the future; In the world the people prayed for the heavy rain. So-weng (Chén Róng) painted the picture of nine dragons. His wonderful brushwork was unequalled in this world. Looking from afar, cloud and water were like flying movement; So that one feels it was done by the hand of a god. Lung-kung from Hsüan-ch'eng had nine sons; All of them entered the old man's picture. Who will paint two cows for me? Do not put the golden bridle on one of them. The colophon of the Picture of Nine Deer was written by Fu-weng; and the Picture of Nine Horses was praised by P'o-lao. Nevertheless, So-weng's dragons are neither like deer nor horses. How could I dare to follow in the footsteps of Master Su and Master Huang ? I simply put this down to record the year and the month." As according to Chinese custom about some addiction into original scroll-painting, an additional length of paper was inserted; it could be hypothesized that the painter, the owner or simply the critic evidently felt free about a certain freedom to the possibility of writing and signing by their seals-stamps directly on the painting or on any other part of the scroll. Usually such addictions have some documentary value, as for instance they could be used to evince the relative merit, or even the authenticity of the masterpiece. The scroll is thus accompanied by six praises prayed by people of XIV century, mostly Taoist. 1. Written by Tung Ssŭ-hsüeh, contemporary to the artist. His original name was Tung Ssŭ kuo, from Chekiang province. After the destruction of Sung dynasty he converted and became Taoist monk. The eulogy was written in 1306: “ In the year of hsin-yu (corresponding to the year 1261) , So-weng painted the Picture of a Pair of Swords for Han Hsinal of Tung shan at twilight, in the Garden of Nine Streaked Pines; it was excellently done. In the tenth year of Ta Te (corresponding to the year 1306) I saw this scroll during a banquet at Yü-t'ien. Its brush work yields nothing to the painting given to Han (Hsin). Written by the Mountain Man of Lao-chün, Tung Ssŭ-hsüeh." 2. Composed by Chang Ssŭ-ch'eng, progeny of Chang Tao-ling (34 – 156 d. C.), author of painting of dragons and calligrapher, during XIV century he had become a chief Taoist priest. Eulogy is dated to 1331 year and is written in verse: “ Hsüan-yün (Music) and Fo-mo (Painting) are called Tien-fen (the Winds of Heaven). Thunderhead and lightning bolt drive away Lei-kung (the God of Thunder). Yü-ssŭ (the Genius of the Rain) is busy; Yüan-ch'i (Constitution of the Universe) is dripping. Who would be the hero when the universe be comes transformed? The strange lightning shines when two dragons exert their strength. They are twisting and turning toward the west?out beyond the heavens. Mountain rocks are destroyed when one of the dragons awakes. The sound of his rubbing against rocks conceals the thunder. One of the dragons does not struggle, but the others rush on. They look for the Sui pearl and spring up on the bright moon. The hoariest dragon is the one in the middle. He enjoys himself leading his sons around in a circle. One dragon comes out of the water showing his horns. White waves, like mountains, reflect the sky. One of the dragons flies up to the great emptiness. Tien-p'iao (the Ladle of Heaven) has overturned to relieve the dried-up land. The last dragon is at leisure, Turning back his head as though he wished to return to dive into the deep sea. Different styles have been shown by their gamboling and turning around. Oh, he is not a dragon, how could he know the dragons so completely! After (Liu) Tung-wei and (Chang) Seng yu had passed away, The relations with the spirits of a thousand years have been continued by So-weng. In appraising dragons one should not judge by details (scale and bristle). The wonder should depend on the spirit. The transmutations of Chiu-yang should be understood thoroughly. How could people store them in a box? I worry that thunder be followed by darkness. One day they would disappear into the vast emptiness. Written by Tien-shih (Grand Master) Tai yüan-tzŭ (the Elder Son of Heaven) second year of Chih-Shun (corresponding to the year 1331), the first month of spring." 3. Written by Wu Ch'üan-chieh (1269 – 13509, a powerful Taoist priest, active at the beginning of the XIV century; he was born in the district of An-jien, Jao-chou prefecture of the province of Kiangsi. The praise has not any date. “Sky falling in thunder and rain; Ink spilled like fire and lightning. When the time came for untied clothes and (ink) to be spread far and wide, The spirit had to listen to whatever he said. Wind and cloud are made by falling snow; In the twinkling of an eye, he flies away for a thousand Li Ch'ien-yüan was assisted by Yung-chiu, As the dragon studied with Lao-tzu. Written by Hsien-hsien-tao-jen (Leisure Taoist) Wu Ch'üan-chieh.” 4. Composed by Ou-yang Yüan (1273 – 1357), Yüan dynasty scholar and official, active into the College of Han Lin, specialized in preparation of official state documents. He was dignified as Duke and canonized as Wen. His eulogy is in verse: “Ch'ien, Yang and Liu-yao; only Yang was solid; The name, Six Dragons, resembled the dragon nature. The connection between Ch'ien and Yung-chiu had been transformed by the god's strength; That is how in later years the Nine Dragons name appeared. Ma-shih of Southern Lake followed this transformation; His body, like a column, became tied by the eight dragons. What grand and magnificent brushwork is here! The Hall of Thunder and Wind are painted again. (Signed) Ou-yang Yuan." 5. Written by Chang Chu (1287 – 1368), scholar and official, author of the chronicles of Liao, Chin and Sung dynasties. As chin-shih into the Han Lin College he was holder of other high officials. As he achieved high distinctions by his poetry, he had written on this scroll a long poem in verse: “ The Picture of Nine Dragons was shown to me by an immortal; I understood that it belongs to the Lei-t'ien t'ang (the Hall of Thunder and Lightning) . The Po-sang-chien paper is thirty ch'ih long; Each dragon painted as strange and tortuous. They turn about over gorges and broken cliffs; The deep sea has been swallowed by the rest less waves. They seize the Li pearl and struggle to reflect its splendor; They stir up waterspouts when they weave in and out. One flies to the moon (together) with his son, With a hanging head returning to Pan-yu Cave. Such grand brushwork, the transmutations endless; Never before have the true bones (appearances) been realized. Few people understand what I have seen in my lifetime; I would not dare to be careless, because this painting is related to the spirit. Ch'?n Jung knew how to control the dragon, even if he was not an immortal; Who would be able to hide them in their baskets? For the thunder would come through the walls To tread with the bright sun and fly away with the wind. When Kao Tang's book was opened, hundreds of monsters escaped; After looking carefully, mist and rain are felt. Seng-yu did not like Tung Yü In the late years no one could be compared with him. At the beginning, he made rain to cover Chiu t'u Oh, how grand a sense of duty he had! This spirit is just what men should have in their work; When (the dragon spirit) appears it sweeps away stupidity. How can people constantly play with colors; And waste away their energy painting grasses and insects? Signed) Chin-ning (Yunnan province), Chang Chu." 6. Written by Wang Po-i, born in Chiang-ning in the province of Kiangsu, active during the last part of the XIV century. Inscrīption was made at the end of 1380 year: “ Originally the dragon was a spiritual thing,his body was pure Yang so his transmutations were limitless. The painter had to use the meaning of Ch'ien-yüan yung-chiu and the highest point of Yang to form a spiritual thing to frighten living beings. Because of the appearance and disappearance of his transformations, no one dared to steal a glance when the flying dragons were in the sky. What a wonderful manner was used for these true spirits! That is out of the imagination. Don't let them break through the wall and escape into the water; it does happen sometimes. Po-i saw this scroll in the tenth moon of the year Keng-shen of Hung-Wu (corresponding to the year 1380). (Signed) Chiang-ning (Kiangsu province), Wang Po-i." Such six prayers, together with the two autograph calligraphy of the artist, also evince the conception of the Chinese dragon as a symbolic, glorious image, genius of force and a divinity. Moreover, in China, the dragon is a benevolent animal, not connected with bad or obscure powers. It is linked to fertility and rain, the genius of water, especially invoked during times of drought or flood. Moreover, because of its life-giving powers and benefits, it was directly linked to the good-administration activities, thus the figure of the dragon was directly elevated to symbolize imperial dignity. Thought for our culture the dragon is considered as a purely emblematic manifestation as a product of fantasy, according to Chinese traditional culture it was absolutely considered as a real and natural being. According to Erh-ya-yi, written by Lo Yüan (1136 – 1184), the dragon is the king of all the animals. He also quoted about Wang Fu descrīption of the dragon as a being which have other nine animals semblances: “the head like a camel (extended), horns like a deer (long), eyes like a hare (protruding), ears like a cow, neck like a snake, belly like a sea-serpent, scales like a carp, claws like a hawk, and feet like a tiger. It has eighty-one scales on its back, nine times nine, the largest positive (Yang) odd-numbered digit; it makes a noise like the rattle of a copper tray; it has a mustache and whiskers; it has a pearl under its chin; below the neck it has a reversed set of scales; on the head it has a protuberance called Po-shan or Ch'ih-mu; without this knob it cannot ascend the heavens. Its out-breathings form clouds which change into either water or fire.” For many centuries, there have been reports and records which tell us that the dragon is a mythological animal, a symbolic figure and a metaphysical concept. In Chinese Art the dragon could be considered as one of the most important motif, a mystic, fantastic being, inspiration and cause of marvel and awe-fear, swift like the lighting and strong as the storm-wind. Appearing among clouds and mists, the dragon is visible just to the keen-eyed and enlightened minds opened to the widest spiritual forces of nature. Along the top of the painting there are two inscrīptions written by the Emperor Ch'ien Lung (1711 – 1799), the fourth emperor of the Ch'ing dynasty, and according to his words is possible to date the calligraphy to the year 1767: “In the later spring of ting-hai, I, the emperor, ordered Chin T'ing-piao (ca. 1767, a court painter) to make a copy of this scroll. The spirit was more or less like the original. So I had to write at the beginning and at the end." Moreover, at the end of the brushwork, there are eight verses composed by an high official of the Ch'ien Long court, as he adapted in verse the inscrīption of his emperor, and he sealed his inscrīption by his seal-stamp at the end of the verses. Yin Chi-shan (1697 – 1771) , a member of the Manchu Bordered Yellow Banner. He became a chin-shih in the year 1723 and was made a Grand Secretary in 1764. The emperor praised him not only as an able administrator but as one who was kind and broad-minded; Liu T'ung-hsün (1700 – 1773), a native of Chu-ch'eng of Shantung province. He served twice as Chancellor of the Han Lin College and also served as Director General of both the State Historiographer's Office and the commission to compile the catalog of the Imperial Library; Yü Ming-chung (1714 – 1780), native of Chin-t'an in the province of Kiangsu. When he was twenty-four, he became a chin-shih with highest honors, and was made a first class compiler of the Han Lin College. He was constantly with the emperor on tour or in the capital, and many important policies of the middle Ch'ien Lung period were decided by the emperor in accordance with his advice; Tung Pang-ta 1699 – 1769), a native of Fu-yang in the province of Chekiang. In 1747 he was appointed sub-chancellor to the Grand Secretary and later, among other positions, he was made the President of the Board of Ceremonies. As a painter he won high recognition; Ch'iu Yüeh-hsiu (1712 – 1773), native of Hsin-chien in the province of Kiangsi. He became a chin-shih in 1739. His principal activity was the superintending of flood control in eastern Honan, western Shantung and northern Anhwei provinces; Wang Chi-hua (1720 – 1776), a native of Ch'ien-t'ang, province of Chekiang. He became chin-shih in 1745 and later was made a Minister of Revenue, and a Chief Director General of both the State Historiographer's Office and of the commission to compile the catalog of the Imperial Library; Ch'ien Wei Ch'eng (1720 – 1772), a native of Wu-chin of the province of Kiangsu. He became Chin-shih in 1745 with highest honors and then was appointed a Han Lin compiler of the first class. He was a master both of calligraphy and painting; Ch'en Hsiao-yung (1715 – 1779), notable critic and calligrapher. He served at Ch'ien Lung's court and participated in the compilation of the Hsi-ch'ing ku-chien an illustrated and annotated catalog of 1,529 bronze utensils, and other objects of antiquity, preserved in the Imperial Palaces. We have very few information about the life of Cheng Rong. He's registered in the work compiled in 1580 by Hsü P'u entitled “ Min-hua-chi” as disciple of Kung-ch'u Master, born in Ch'ang-lo (today Min-hou district, province of Fukien). He had passed the chin-shih exam in the second year of Tuan P'ing ( 1235 ), thus he entered in the government with a rule into the Department of Education; later he became Prefect of the district of P'u-tian in the province of Fukien. He gained a very high individual reputation for his integrity and for his abilities as scholar and painter, specialized in paintings of dragons. His brush-works dedicated to dragons seems to represent the transformation of their spirits. He painted clouds among which the dr

0 people like this

Matite in Viaggio 2012, Mestre

Matite in Viaggio 2012, MestreHo avuto l'onore di essere accettato per la partecipazione alla mostra di Carnet di Viaggio che si terrà al Centro Culturale Candiani di Mestre, dal 05-10-2012 al 21-10-2012. Personalmente sarò a Mestre dall'inaugurazione della mostra fino alla Domenica, per poi far ritorno a Firenze e lasciare al centro Candiani i miei carnet selezionati. Vorrei ringraziare infinitamente Andrea Longhi per il grande aiuto che mi ha dato, e tutti gli amici del Associazione Culturale Matite in Viaggio per avermi concesso questa esperienza che sarà sicuramente bella e stimolante, per il supporto e l'infinita pazienza. Presenterò alla mostra 4 carnets, tutti realizzati su Moleskine Giapponese. Due Carnets sono dedicati a Lijiang, più precisamente uno è il Carnet de Voyage sulla città di Lijiang visitata nel 2005, provenendo da Dali; sull'altro Carnet mi sono invece concentrato sulla regione di Lijiang ed il monte Yu Long Xue Shan ai cui piedi si trova Lijiang; considero questo secondo carnet molto importante perchè nelle tavole finali ho dipinto il villaggio di Yu Shui Zhai (il Villaggio dell'acqua di giada) documentando la vecchia porta di ingresso al villaggio che ho appreso esser stata abbattuta e sostituita da un altro ingresso. [caption id="attachment_25671" align="alignnone" width="900" caption="Lijiang, Japanese Moleskine - Carnet I"] Lijiang, Japanese Moleskine - Carnet I[/caption] Questi due Carnet sono i miei "pezzi storici" assieme al Carnet su Pechino (Moleskine acquerello), che ho presentato assieme a "Rotolo dei 9 Draghi" lo scorso Novembre al Rendez Vous di Clermont Ferrand, a cui a questo giro, purtroppo, non parteciperò perchè non sono stato selezionato...; c'est la vie!!! [caption id="attachment_25672" align="alignnone" width="900" caption="Lijiang, Japanese Moleskine - Carnet II"] Lijiang, Japanese Moleskine - Carnet II[/caption] Altro Carnet a cui sono legatissimo è il primo dedicato alle Cinque Terre, su Riomaggiore, iniziato e praticamente completato nella settimana splendida ed enormemente importante per me come carnettista con Stefano Faravelli. [caption id="attachment_25673" align="alignnone" width="900" caption="Le Cinque Terre - Carnet I. Riomaggiore"] Le Cinque Terre - Carnet I. Riomaggiore[/caption] Infine, ultimo carnet in mostra è il primo di quelli dedicati ai muesi navali europei, in questo caso il Museo Navale di Barcellona, visitato nell'estate del 2009. [caption id="attachment_25674" align="alignnone" width="900" caption="Fragmento do Mar - Carnet I: Museo Navale di Barcellona"] Fragmento do Mar - Carnet I: Museo Navale di Barcellona[/caption] Tenterò di postare sviluppi, pensieri ed impressioni direttamente da Mestre nei 3 giorni in cui sarò alla mostra.
羞龍

0 people like this

Matite in Viaggio 2012, Mestre

0 people like this

Matite in Viaggio 2012, Mestre

0 people like this

Allenamento tipico al Wushu in Cina ed in Occidente

羞龍武术語录 - Discorsi sul Wushu del Drago Timido >Mi accingo nuovamente alla traduzione di un articolo dell'amico Mark Moran, traduzione che faccio per gustare e comprendere il più possibile il suo lavoro eccezionale, e per mettere a disposizione in Italiano una fonte preziosa per quanti desiderino osservare in modo critico ed analitico la situazione del Wushu in Italia.E' mia opinione che la situazione del Wushu italiano - per la mia limitata e circoscritta esperienza - sia perfettamente specchio della situazione generale del mio paese (sempre parlando della mia limitata e circoscritta esperienza) dunque un qualcosa che - ribadisco: personalmente parlando!!! - desidererei profondamente cambiare in modo radicale, direi profondo e radicale.Rimanendo però a tema, e cioè nel contesto dell'allenamento tipico degli atleti in Cina - che Mark descrive - il modello generale che Mark ha ottimamente e fedelmente riassunto coincide al 100% con quanto ho visto e vissuto a Pechino ed in Cina, parlando di allenamenti SPECIFICI di atleti cinesi campioni nazionali, e non di allenamenti di gruppi di occidentali in strutture sportive in Cina, anche nelle medesime strutture sportive di prim'ordine quali Shichahai di Pechino.L'individuazione delle parti che definirei settoriali dell'allenamento è un contributo essenziale, ancora più prezioso grazie anche alle indicazioni temporali per ciascun blocco settoriale: appare chiaro come sedute di allenamento non organizzate, non specializzate, inferiori ad un certo tetto di tempo siano incompatibili con un progetto concreto di sviluppo del Wushu contemporaneo sportivo.##Allenamento tipico al Wushu in Cina ed in Occidente

Mia libera traduzione dal blogs di Mark Moran “

Typical Wushu Training in China and the West ” Non insisterò sulla mia incompetenza di fronte ai testi che ho da commentare. [...] Vi prego però di essere estremamente indulgenti nei miei riguardi. Emmanuel Lévinas, 1977 "Du Sacré au Saint - Cinq nouvelles lectures talmudiques"Per molte persone, quando vi siete allenati soltanto in una scuola per la maggior parte della vostra vita di Wushu, iniziate a immaginare come sia la vita dall'altro lato del proverbiale tappero. Le altre scuole si allenano come voi? Che cosa fanno durante le loro classi (lezioni) ? Focalizzano maggiormente sui fondamentali o sulle forme? E che cosa, a proposito degli esercizi di condizionamento? Queste sono domande abbastanza normali e, anche se tu hai avuto l'esperienza di allenarti in altre poche scuole, sarai ancora curioso di sapere per che cosa passino gli altri atleti di Wushu (che cosa fanno, come lavorano). Questa curiosità è buona perchè è il segnale che siamo sempre alla ricerca di immaginare e sviluppare un sistema di allenamento ottimale per i nostri unici bisogni. Ho pensato che probabilmente potesse essere di aiuto poter parlare un poco circa il tipco allenamento che è possibile vedere in occidente, e compararlo con il tipo di allenamento che trovi in Cina. A dir la verità, essi non sono poi così tanto differenti. Dopo tutto la maggior parte degli insegnanti in occidente o provengono dalla Cina o sono direttamente influenzati da esperienza di allenamento in Cina, e dunque tendono a sviluppare le sedute di allenamento in modi molto simili. in Italia non è assolutamente così. Nella mia personale esperienza ho visto che gli insegnanti tendono a fossilizzarsi su delle metodiche e sulle fonti - cinesi e non - forse perchè nemmeno spinti dalla curiosità di approfondire e/o sviluppare i propri metodi di allenamento, e di creare uno spazio dedicato all'agonismo inteso sia come sviluppo massimo del potenziale degli agonisti attualmente sul tappeto (quando il tappeto c'è...) sia come creazione di presupposti per selezionare da un ipotetico vivaio gli elementi meritevoli + predisposti + dotati, e intendo sia le qualità fisiche, sia la volontà di allenarsi in un certo modoComunque, trovo che ci sia ancora molta gente curiosa [di sapere] circa il regime di allenamento tipico o standard degli atleti in Cina, sia come estensione della precedentemente citata curiosità, sia anche perchè è carino sapere che cosa i "professionisti" stanno facendo così che possiamo rispecchiare il loro ambiente. La maggior parte delle classi (intendo classe come lezione di un gruppo di praticanti) di cui ho fatto parte sono suddivise in 4 fasi principali, ed alcune di queste fasi comprendono al loro interno anche sotto-fasi. Esse sono la preparazione , fondamentali , fomre e condizionamento . Praticamente tutte le classi a cui ho partecipato, sia negli Stati Uniti che in China, seguono questo format con davvero piccole eccezioni. Ecco un po' più di dettagli su ciascuna:

Preparazione

Ci sono 3 parti all'interno della fase preparatoria alla classe. Riscaldamento, Cardio e Stretching. Ognuna gioca una parte importante rendendo il tuo corpo pronto per i rigori del Wushu.

Riscaldamento

Tipicamente è quando facciamo ruotare le anche, la testa, sciogliamo le spalle, giriamo la vita, ecc... Praticamente lo scopo di ciò è riscaldare le giunture prima di iniziare a muoversi attorno. Spesse volte vi sarà anche dello stretching leggero, ma di solito niente più di qualche affondo o [molleggio] toccando con le dita. Appena qualche leggero rimbalzo per acquisire il proprio campo motorio.
RiscaldamentoLa ragione per cui questo è importante è principalmente per la prevenzione degli infortuni. Migliore è il tuo riscaldamento, minore è la predisposizione ad infortunarti. Mi rendo conto che questo sia qualcosa che probabilmente avrai sentito spesso, e quando ero più giovane in qualche modo respingevo la sua importanza. Dopo tutto quando sei giovane puoi iniziare a correre senza troppa preparazione. Ma credimi. Questa è una delle cose principali che puoi fare per prevenire l'infortunio. E se ancora non pensi che valga il tuo tempo, allora almeno prendi spunto dai professionisti. Zhao Qing Jian e Liu Qing Hua iniziano ogni loro allenamento con il riscaldamento delle articolazioni, dunque a meno che tu non pensi di esser in qualche modo migliore di loro o di aver carpito qualche segreto del Wushu che loro non hanno ancora scoperto, allora dovresti probabilmente farci attenzione. Comparando l'occidente alla Cina, io trovo che questa sia una di quelle aree che non è consistentemente esercitata in occidente. Ho visto alcune classi in cui si parte immediatamente con la corsa non appena la lezione sia cominciata. Oppure si parta con i loro giochi di acchiapino ( lupo e agnello e questo tipo di giochi ) o palla avvelenata. Questo è un grosso errore, perchè questi giochi, con tutti i loro rapidissimi scatti in moto ed in arresto, non aspettano altro che qualcuno si giri un ginocchio o si distorga una caviglia. In Cina il riscaldamento generalmente prende tra i 10 ed i 15 minuti, a seconda anche del tempo (inteso come clima, stagione). In inverno impiegano un po' più di tempo. Con l'afa estiva non così tanto.

Cardio

Dopo aver riscaldato le articolazioni gli atleti generalmente iniziano un leggero trotto intorno alla sala, e con trotto veramente intendo che loro iniziano con una corsetta leggerissima.
CardioQuesto non è perchè sono pigri. E' perchè se se inizi immediatamente a correre velocemente, non concedi al tuo corpo il tempo per acclimatarsi ed incrementare sia la frequenza cardiaca che la respirazione. E' necessario che tu scaldi il tuo motore come in una macchina. Partire a razzo non appena hai acceso il motore è un buon modo per rovinare l'albero di trasmissione della macchina. Lo stesso succede per il tuo corpo. Dopo un paio di giri di corsetta leggera (forse 5 - 10 minuti), iniziano ad inserire altri elementi come skip a ginocchia alte, calciata, laterale, saltelli, ecc... Anche questo nell'ordine di riscaldare tutto il corpo e di sciogliere le articolazioni ed i muscoli. Dopo circa 10 minuti di questo generalmente concludono la parte cardio come qualche scatto attraverso la sala - tipo sui 5 di questi - e dunque concludono. Come variante probabilmente vedrai gli atleti impegnati in un gioco dopo la corsetta leggera. Qualche gioco del tipo del dragone o qualche acchiapparello, o anche u gioco in cui si lancia un pezzo di gomma piuma e si grida il nome di chi dovrà prenderlo al volo. Giusto qualcosa per evitare che i ragazzini siano totalmente addormentati nell'eseguire lo stesso allenamento giorno dopo giorno. In occidente questo è molto simile. L'unica vera differenza che ho notato è che qualche volta si vedono queste persone in occidente prendere il giochetto un po' troppo seriamente. Lo scopo del gioco è di scaldarsi divertendosi. Non è uno sport da competizione. Se tu lo prendi come tale, allora stai perdendo l'obbiettivo dell'esercizio. Il mio consiglio: metti un attimino a riposo l'ego e semplicemente divertiti. Di sicuro, tu darai il meglio di te, ma questo non dovrebbe significare di comportarsi come se segnar punti nella palla avvelenata significasse davvero così tanto. Il vero obiettivo di questa parte dell'allenamento è di farsi una sudata. Concentrati su questo ed andrai bene.

Stretching

E finalmente si arriva alla parte preferita da tutti - lo stretching. Questo è praticamente universale. Mi sono allenato con diversi team di professionisti in Cina e tutti fanno praticamente la stessa identica routine.
StretchingPer prima cosa iniziano alle sbarre. Mani alle punte dei piedi ed allungamento, [poi] di fianco, spalle e braccia e qualche volta spaccate contro il muro. Dunque, dopo circa 5 - 10 minuti di questo raggiungono il tappeto e lavorano su un allungamento più specifico. Spesso prendono qualche materassino o tappetino per poggiare la gamba anteriore per le spaccate. Molti di loro si concentrano sull'allungamento per superare la spaccata così che l'atterraggio in spaccata non sia così difficile. La maggior parte degli atleti lavura intensamente il proprio stretching fino a questo livello, perchè è cruciale per raggiungere il pieno raggio di movimento [che sarà raggiunto] durante la fase successiva dell'allenamento. Ci mettono davvero tantissima concentrazione in questo, e anche tu dovresti. Eseguire semplicemente i movimenti per lo stretching non significa raggiungere nessun risultato. In occidente ho notato esserci molto più stretching di gruppo che in Cina. Avrai classi in cui tutti si allungano insieme, contando ogni posizione in gruppo. La ragione principale per questo è che hai un sacco di persone a lezione che probabilmente non si è mai allungata prima. Specialmente se questi sono nuovi al Wushu. Col tempo, quando saranno arrivati ad un livello più avanzato probabilmente potranno essere lasciati ai loro esercizi, ma comunque [lo stretching di gruppo] costruisce un senso di cameratismo a lezione, quando cioè tutti fanno la stessa cosa insieme. D'altra parte in Cina [gi atleti] vivono, lavorano, sudano e giocano insieme 24h al giorno 7 giorni su 7, e dunque non c'è bisogno disviluppare questo stretching di gruppo. Inoltre, tutti si sono allungati per anni, dunque una volta che un atleta si è lasciato le classi di ragazzini alle spalle, non ha veramente più voglia di far le cose in gruppo. A volte alla fine delle lezioni, ma non così spesso come in occidente. Lo stretching di gruppo è principalmente riservato per quei ragazzini che devono essere spinti e pigiati parecchio per ottenere mobilità. Questa non è una visione carina, ma potremmo parlare del rigore dell'allenamento al Wushu nei bambini in Cina in un'altra occasione. Tutte assieme la parte preparatoria delle classi dovrebbe prendere circa 30 - 45 minuti, dipende da alcune variabili. E questo dipende da quanto tempo sia necessario per fare davvero una bella sudata e per lavorare su un buon allungamento prima di concentrarsi sulle tecniche di Wushu.

Fondamentali

Dunque, adesso che gli atleti sono caldi, sudati ed allungati, è tempo di fondamentali. Io tendo a suddividere questa fase dell'allenamento in 3 parti: i fondamentali , le combinazioni e salti .

I fondamentali

So di ripetermi [cioè Mark usa lo stesso termine "fondamentali" per descrivere un superset ed un set dell'allenamento; adesso ci spiega]. Questa è la parte "fondamentale" della parte "dei fondamentali" dell'allenamento. Vedetela insieme a me.
CalciSenza praticamente alcun dubbio si inizia con un lavoro di alcuni calci slanciati e posizioni leggere. Dopo alcune linee su e giù per il tappeto allora si inizia con delle serie tirate di calci base. Zhengti, Ceti, Waibai, Lihe, ecc... ecc... Tu sai com'è. A seconda dei giorni eseguono il tutto dalle 2 linee alle 4 linee per ciascuno, seguite da alcune varianti o relative combinazioni. Se c'è tempo, vedrai spesso eseguire un lavoro di allenamento sulle posizioni dopo i calci fondamentali. Mabu-gongbu o cose del genere. Se sei fortunato anche in altre tecniche come fanyao, spazzate posteriori e frontali e a volte perfino wubuquan. ;-) Molte delle classi in occidente hanno la stessa sequenza di fondamentali. Vorrei dire che l'unica differenza qui è l'intensità. Negli USA tu assisterai a molte correzioni, aggiustamenti e spiegazioni da parte degli insegnanti mente gli atleti eseguono i fondamentali. La semplie ragione per questo è che, in Cina, queste sono manovre basilari. Gli atleti sono già veramente veramente molto buoni in tutte queste cose. Ma in occidente il nostro livello perfino nelle tecniche base può ancora godere di un sacco di aiuto, così tendiamo a concentrarsi su di questi un po' di più e ad avere un po' più di correzioni. Ho notato che molta gente quando viene in Cina è scoraggiata sia perchè in Cina chiunque possiede dei fondamentali così buoni, sia perchè non riescono ad esser corretti così tanto come vorrebbero. Ad esser onesto, ci sono probabilmente alcune ragioni per cui questo accade. Per prima cosa, eri un po' coccolato a casa col tuo insegnante. Questo tipo di cosa è il risultato del fatto che tu paghi per le lezioni, mentre in Cina gli atleti devono dimostrare di poter rimanere nella Wushu guan. Gli atleti in Cina lavorano per l'approvazione dell'insegnante, ma in occidente gli insegnanti lavorano per l'approvazione dei clienti. Questo piccolo cambiamento delle dinamiche fa si che tu a casa sia tenuto molto più per la mano. Altra ragione è che probabimente [gli insegnanti] stiano semplicemente aspettando che tu aumenti la velocità e migliori fino al punto in cui le correzioni ovvie possano essere sostituite da aiuti più specifici. "Clacia più veloce" è un tipo di correzione ovvia. [Come] ovviamente tu sei più lento di qualsiasi altro. Dirti "clacia più veloce" è un modo per dirti "fai meglio". Va da solo. Quando invece iniziano a concentrarsi sull'allineamento del corpo, o su dettagli più sottili, allora tu saprai che dall'imparare i fondamentali stai passando al padroneggiare qualche tecnica. Senza dubbio, qui ho un po' generalizzato, e questo non è davvero il contesto adatto alla discussione di questo particolare argomento, ma hai l'idea. Questo è tutto quello che riguarda i fondamentali. In occidente così come in Cina. Dovrei aggiungere che un'altra differenza che ho notato tra i due è l'ammontare del tempo dedicato ai fondamentali. In Cina fanno fondamentali per un buon 25 - 30 minuti, ma in occidente spesso vedrai appena 15 minuti di fondamentali e dopo gli studenti avidamente passano diretti all'eccitazione dei salti. Di nuovo...ci sarà una ragione per cui i fondamentali degli atleti Cinesi sono così migliori di quelli degli occidentali. Ne fanno migliaia alla settimana. Quanti di noi possono dire la stessa cosa?

Combinazioni

Combos, diminuitivo per "combinazioni" sono davvero un'estensione dei fondamentali. Infatti, dai fondamentali alle combinazioni ai salti, spesso c'è appena una piccola transizione.
Combinazione di NanquanDi solito gli atleti inizieranno eseguendo specifiche combinazioni di movimenti provenienti dalle proprie forme. E quello che altrettanto sepsso vedrai è farlo anche durante la parte base dei fondamentali. Per esempio, dopo il lihetui, probabilmente incorporeranno alcuni movimenti della propria forma che seguono il loro lihetui, questo per poter praticare avendo una transizione graduale. Quello che significa è che a volte le parti di combinazioni e fondamentali sono fuse insieme. Questo non è inusuale e quindi non c'è bisogno di rimanere sorpreso se ti succede. Infatti è una cosa normale se ti stai preparando per una competizione. Di nuovo, io ho notato che in Cina tendono a concentrasi veramente sulla dissezione dei loro movimenti. In occidente assisterai ad un po' più di esitazione da parte degli stuendi essendo poco sicuri di se stessi e non veramente concentrando la loro intenzione sulle loro tecniche, mentre loro focalizzano la propria attenzione sul provare di non essere il centro dell'attenzione. Il mio consiglio è di provare meno a pensare a che cosa la gente pensi di te e prestar più attenzione su dove le tue spalle siano o non siano allineate come si deve, o le tue dita della mano stiano assieme come si dovrebbe supporre che debbano stare. La cosa in cui definitivamente sarai colto nell'allenarti in Cina è la differenza che c'è tra "okay" e "good", [cioè] quanto sei capace di focalizzare le tue energie nell'autocritica, l'auto-miglioramento e l'autoanalisi. Guarda un po' più dentro e l'esterno apparirà un sacco migliore.

Salti

Sembra che questa sia la fase che molta gente favorisca. Salti! Whee! Dato lo stato delle mie ginocchia [ e delle mie!!! ] di solito sto a sedere durante questa parte dell'allenamento a favore di un lavoro più stanziale. Ma questo mi da comunque un buon punto di vantaggio osservando che cosa gli atleti fanno durante questa parte dell'allenamento.
FarfallaEssenzialmente, c'è semplicemente una tonnellata di ripetizioni che prosegue. Salto dopo salto dopo salto, fino alla nausea. Di nuovo, è tutta questione di focalizzazione e concentrazione sui piccoli dettagli. Qui è dove un buon insegnante può esser vitale per operare quei piccoli ed incrementali miglioramenti che sono necessari. Ma il consiglio del coach da solo va poco lontano. Molto del miglioramento proviene dal solo mettersi sul tappeto e praticare ancora e ancora e ancora e ancora una volta. Nel comparare questa parte dell'allenamento tra la Cina e l'occidente,

0 people like this

Allenamento tipico al Wushu in Cina ed in Occidente

0 people like this

Allenamento tipico al Wushu in Cina ed in Occidente

0 people like this

The Drifter - Japanese Moleskine, 1st carnet

[caption id="attachment_850" align="aligncenter" width="915" caption="The Drifter - Carnet on Japanese Moleskine"] The Drifter - Carnet on Japanese Moleskine[/caption] This Carnet on Japanese Moleskine is dedited to "The Drifter", a Taylor Steele Movie with Rob Machado as starring and drifting... Well, there's plenty of words with which I could try to describe how I knew this movie, why and how much I care 'bout, why I've made a Carnet focused on it and from it inspired, etc... But... I don't think it really matters, as I don't wont to bug anyone with my elucubration (dreaming-up). My way of painting, as carnets as other media, is just a way of expression, a need of mine materializing in colors, drawings and notes. Thus this carnet is just a reaction springing out from the so full of beauty Taylor and Rob drifting around Bali and Indo. Sometimes, chatting with my beloved, we state that this is a real carnet de voyage, a travel truly lived, natural and humans sights truly seen and recorded, with the eyes of the surf [er]. What I really felt soooo fine, so cool, is a sensation of deep immersion into the drifting of the mind and the feelings springing out from a travel which, I think, is the incarnation of a travel made inside ourself, feelings different in forms but that I perfectly re-found in what I lived in 2005 in China, drifting completely alone... [caption id="attachment_851" align="aligncenter" width="337" caption="Tiantan Gongyuan - promenade to the filend where I trained in Taiji"] Tiantan Gongyuan - promenade to the filend where I trained in Taiji[/caption] In this carnet I met again versus the very hard attempt in describing by painting a sum of sensation which touch sound and smell..., like in Tiantan Gongyuan (Beijing) the sound of the deep magik silcence of the sun rising-up from the East gate, and the hot sound of the shout by far-away people concealed in the deep of the sacred wood practicing Qigong exercises... [caption id="attachment_852" align="aligncenter" width="511" caption="The Drifter - attempt in painting the sound of whave"] THe Drifter - attempt in painting the sound of whave[/caption] as here in The Drifter the sound of the bells in the beginning, and of the powerfull wiping-out of waves... As in Sipping Jetstreams someone told, I’m only trying to read the whole book...

0 people like this

Book this artist

Join now to follow Stefano Zamblera

Stefano Zamblera * official artist

Painter

Avatar

我就是羞龍 Xiulong - Stefano Zamblera. 我爱武术,也爱美术,也爱中国. ...Read more

Interested In friends
Simplified Chinese Name 羞龙
Favorite Books Talks on Painting by the Monk ‘Bitter-Melon’ (Kugua Heshang Huayulu 苦瓜和尚畫語錄) by Shitao 石濤 (1641-c. 1720)
Job Employee and free researcher